Aste a ribasso

Ultimamente si stanno vedendo, in giro per il web, decine di sito che effettuano Aste al ribasso. Molti si chiederanno…come funzionano? Ci si può fidare?

Cominciamo a rispondere alla seconda domanda, a linee generali, se si và sui siti più conosciuti come YouBid, AsteClick, BidPlaza ci si può fidare perchè dietro ci stanno società di dimensioni non indifferenti o multinazionali; questo per dire che non lo può aprire l’ultimo sprovveduto o truffaldino questa genere di siti.

Ora veniamo sul come funziona bisogna fare l’offerta più bassa, ma, naturalmente c’è un ma 😉 bisogna essere gli unici a fare l’offerta più bassa. Quindi facciamo un esempio se per un oggetto 3 persone offrono 0,01 centesimi e solo una persona 0,02 centesimi; vince quest’ultima.

Ecco un’immagine esemplificativa:

Possiamo concludere che per vincere bisogna essere gli “unici e più bassi”.

E dove guadagna il sito? Il sito guadagna su ogni puntata che l’utente effettua; ogni sito ed ogni asta in particolare, ha un costo di solito si aggira sui 2 euro e và pagato anche se l’offerta non è vincente. Il sito per invogliarcio, all’iscrizione ci fà fare qualche puntata gratis e dopo ci manda un email con il raddoppio della ricarica che effettueremo (quest’email la riceverete anche quando stanno per scadere oggetti importanti come le auto).

Personalmente posso dirvi che Yuobid funziona, mio fratello ha vinto un n95 8 gb a poco più di 1,50 euro, certo ci vuole tanta fortuna, ma secondo me, se ci si investe anche la metà del valore dell’oggetto in puntate, si hanno buone possibilità di vincere.

Spero che il mio articolo sia stato utile, a chi si stà interessando al mondo delle aste al ribasso adesso.

A Presto

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: